Fondi Europei: Moody's promuove il governo Draghi

Fondi Europei, Moody's promuove il governo Draghi, e vede un miglioramento nelle prospettive dell'Italia per un efficace utilizzo dei fondi europei.
Fondi Europei Moodys
Fondi Europei, Moody's promuove il governo Draghi, e vede un miglioramento nelle prospettive dell'Italia per un efficace utilizzo dei fondi europei.


Il governo di Mario Draghi "migliora" le prospettive dell'Italia per un "efficace utilizzo dei fondi europei". Lo afferma Moody's, sottolineando come le "sfide di lungo termine" comunque restano.


Una volta allentata l'urgenza legata alla pandemia, probabilmente si troverà a far fronte a "difficoltà simili e a un'opposizione politica ad alcune riforme strutturali che abbiamo osservato con altri governi nel passato", osserva Moody's.

Fondi Europei: riforme e appoggio politico

"Una volta allentata l'urgenza della pandemia la sfida chiave per il governo di Mario Draghi sarà mantenere l'impeto dietro le riforme e l'appoggio politico" per i cambiamenti: alcuni partiti o gruppi parlamentari "si sono per anni attivamente opposti" ad alcuni aspetti delle riforme giudiziarie e amministrative proposte dalle precedenti amministrazioni. Lo afferma Moody's, sottolineando che "l'uso produttivo dei fondi europei sarà inestricabilmente legato al successo dell'agenda di riforme economiche del nuovo governo. Le difficoltà amministrative, soprattutto nelle regioni italiane che hanno maggiore bisogno di investimenti, hanno in passato intralciato l'assorbimento dei fondi europei.

Chiusura sostanzialmente stabile per lo spread tra Btp e Bund tedeschi decennali: il differenziale ha concluso le contrattazioni a 90,9 punti base rispetto ai 90 della seduta di venerdì. Il rendimento del titolo di Stato italiano, in linea con qualche tensione sui bond di tutto il Vecchio continente, è salito allo 0,52% dallo 0,47% della chiusura dell'ultima giornata della scorsa settimana.

Fondi Europei: Piazza Affari in rialzo

Seduta positiva per Piazza Affari: l'indice FTSE MIB ha chiuso in aumento dello 0,83% a 23.604 punti. Mercati azionari del Vecchio continente tutti in aumento: Londra ha chiuso con il forte rialzo del 2,52%, seguita da Madrid (+1,86%), con Parigi salita del 1,45% e Amsterdam in crescita finale del 1,23 %. Più cauta Francoforte, che ha segnato un rialzo dello 0,45%.

Fondi Europei: quotazione del petrolio in rialzo

Le quotazioni del petrolio sono in rialzo, vicine ai massimi da gennaio 2020. Il WTI con consegna a marzo cresce di 1,28 dollari a 60,75 dollari al barile. Il Brent guadagna 1,10 dollari a 63,53 dollari al barile.


Generic placeholder image
Manuel Marchetti

Co-fondatore di denaro.it e appassionato di musica, libri e anime. Vede il progetto come una possibilità di cimentarsi in qualcosa di diverso da quello fatto fino ad oggi per capire meglio il mondo e la società contemporanea.