Guida la Ferrari con il reddito di cittadinanza

A Brescia sono 23 le persone indagate per avere ottenuto il sussidio senza averne il diritto. Sono stati erogati oltre 180mila euro.
Guida la Ferrari con il reddito di cittadinanza
A Brescia sono 23 le persone indagate per avere ottenuto il sussidio senza averne il diritto. Sono stati erogati oltre 180mila euro.

Sono 23 al momento le persone accusate dalla Guardia di Finanza di Brescia, in una inchiesta coordinata insieme alla Procura di Brescia, e iscritte nel registro degli indagati. L’accusa mossa dalla Procura e dalla GdF è di aver indebitamente ottenuto il sussidio economico senza averne i requisiti.

Tra i casi emersi durante le indagini, spicca quello di un consulente finanziario che per la sua attività si muoveva tra la Svizzera e l’Italia utilizzando una Ferrari 458 cabriolet presa a noleggio. Mezzo di locomozione, che decisamente è spesso lontano dalla portata di chi chiede il reddito di cittadinanza.

Durante gli accertamenti della Guardia di Finanza, si è scoperto che il consulente ha fatto richiesta per il Reddito di Cittadinanza all’Inps fornendo una Dichiarazione Sostituiva Unica incompleta e che quindi non rispecchiava la sua reale posizione. Dichiarazione, che ha generato un valore Isee falso e che quindi gli permetteva di beneficiare del sussidio economico erogato dallo Stato Italiano. Sulla base di questa dichiarazione, l’indagato ha percepito il sussidio mensile da maggio 2019 a novembre 2020 per un ammontare totale di 14mila Euro.

Al momento, gli accertamenti sono ancora in corso e si potrebbero avere nuove persone iscritte nel registro degli indagati.

Claudio Marchetti, autore
Claudio Marchetti

Imprenditore nel settore dell'editoria digitale, è co-fondatore del progetto denaro.it. Appassionato di comunicazione e ottimizzazione per i motori di ricerca. Lo sviluppo di denaro.it è stato dettato da una sfida personale nell'andare a creare un nuovo progetto editoriale nel panorama italiano.