Reddito di Cittadinanza: a rischio i posti di lavoro dei navigator

Reddito di Cittadinanza, a rischio il futuro di 2700 navigator. Le figure che dovevano assistere i beneficiari del rdc potrebbero perdere il proprio lavoro.
Reddito di Cittadinanza Navigator
Reddito di Cittadinanza, a rischio il futuro di 2700 navigator. Le figure che dovevano assistere i beneficiari del rdc potrebbero perdere il proprio lavoro.


Mentre il futuro del Reddito di Cittadinanza è ancora incerto, anche se Draghi sembra intenzionato a rafforzare questa forma di misura di contrasto alla povertà, il prossimo 30 Aprile potrebbero esserci novità poco positive per i Navigator.


I circa 2700 lavoratori, che si occupano della ricerca di un posto di lavoro per i beneficiari del reddito di cittadinanza, potrebbero perdere il proprio lavoro se il loro contratto non verrà rinnovato.

Navigator e Reddito di Cittadinanza: quale futuro?

I Navigator sono scesi in piazza a Roma, e in altre città d'Italia, per manifestare la loro incertezza sul rinnovo dei loro contratti in scadenza il prossimo 30 aprile 2021.

Le diverse manifestazioni hanno raccolto l'adesione di tutte le sigle sindacali (Felsa Cisl, Nidil Cgil e UilTemp), che si sono trovate unanimi nel chiedere la valorizzazione di queste professionalità, la continuità del rapporto di lavoro con le istituzioni e il rafforzamento delle politiche attive del lavoro.

L'incertezza dei Navigator è palese nelle parole che una di loro ha scelto di affidare ai social tramite l'account Twitter dalla Cgil di Napoli:

Al momento di prospettive ne abbiamo poche perché il 30 aprile scadrà il nostro contratto. Noi però siamo qui perché vogliamo essere parte delle politiche attive.

Se è scontato il desiderio degli ex partiti di maggioranza, nel vedere una proroga del Reddito di Cittadinanza per tutto il 2021, un po' stupisce l'apertura degli ultimi giorni da parte del PD. Significative le parole della presidente della commissione Lavoro della Camera, Debora Serracchiani:

Sì a una proroga del RdC, purché sia limitata ad alcuni mesi per avere tempo di riorganizzare le politiche attive insieme alle regioni. La proroga ci consentirà di fare una mappatura delle esigenze a livello territoriale, necessaria per poter intervenire. È stato fatto un investimento sulle risorse umane, abbiamo persone preparate e formate

Navigator e Reddito di Cittadinanza: i numeri

Attualmente i Navigator sono circa 2668, una cifra leggermente in calo rispetto al 2019 quando il loro numero si aggirava sui 2980.

Su una platea di 1.369.779 beneficiari del Reddito di Cittadinanza sono stati effettuati circa 950.000 colloqui nei centri per l'impiego con il supporto degli operatori proposti, o in altre sedi, per i posti di lavoro messi a disposizione da circa 450.000 aziende.

I Navigator hanno anche effettuato 700.000 verifiche preliminari dei requisiti dei beneficiari del RdC in cui sono state anche raccolte informazioni sul nucleo familiare.

Il Patto per il Lavoro, il percorso di accompagnamento all’inserimento lavorativo che viene personalizzato per ogni beneficiario del RdC, in base ai dati raccolti durante il primo appuntamento ha portato a 352.068 assunzioni, anche se c'è da precisare che molte sono state con contratto a tempo determinato con una durata inferiore ai 6 mesi.
Al 31 Ottobre 2019 risultavano ancora attive solo 192.851 assunzioni.

Facendo una media, i Navigator, in questi mesi, hanno effettuato meno di un colloquio al giorno e una verifica preliminare ogni due giorni.


Generic placeholder image
Manuel Marchetti

Co-fondatore di denaro.it e appassionato di musica, libri e anime. Vede il progetto come una possibilità di cimentarsi in qualcosa di diverso da quello fatto fino ad oggi per capire meglio il mondo e la società contemporanea.