Ecobonus 110%, detrazione e tutto quello che c'è da sapere

Ecobonus 110%, scopri tutto quello che c'è da sapere sull'agevolazione che permette di avere una detrazione del 110%, del 65% o del 50% su spese e lavori.
Ecobonus 110%
Ecobonus 110%, scopri tutto quello che c'è da sapere sull'agevolazione che permette di avere una detrazione del 110%, del 65% o del 50% su spese e lavori.


L'Ecobonus 110% è l'agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che offre una detrazione del 110% per determinate spese o lavori effettuati per tutto il 2021 e buona parte del 2022.

Negli incentivi previsti dall'ecobonus non rientra solo la ristrutturazione, ma un'ampia gamma di lavori per la riqualificazione energetica agli edifici esistenti.

Il Governo Draghi sembrerebbe intenzionato a confermare una proroga dal Bonus 110% fino al 2023.


Ecobonus 110%

L'ecobonus 110% è una detrazione fiscale che spetta a chi compie dei lavori di riqualificazione energetica nel 2021 a un edificio già esistente.

In base al tipo di lavoro eseguito spetta una detrazione fiscale con un'aliquota del 110%, del 65% o del 50%.

Bonus 110%, come funziona?

Il bonus spetta a chi ha effettuato dei lavori che migliorano la classe energetica dell'edificio di due livelli; per esempio, passando dalla classe energetica C alla classe energetica A.

Il passaggio alla nuova classe energetica deve essere confermata dall'attestato di prestazione energetica (A.P.E.) che dev'essere rilasciato da un tecnico abilitato.

È possibile utilizzare il bonus ottenuto come detrazione IRPEF o IRES, oppure trasformare la detrazione in credito d'imposta che può essere ceduto a una banca e/o istituto finanziario o al fornitore dei lavori mediante uno sconto immediato in fattura.

Cosa rientra nel bonus 110?

Gli interventi che rientrano nelle spese compatibili con il bonus 110 sono:

  • isolamento termico delle superfici opache inclinate
  • isolamento termico delle superfici opache verticali
  • isolamento termico delle superfici opache orizzontali
  • interventi di coibentazione del tetto
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti

Sono incluse anche le spese funzionali all’esecuzione dell’intervento:

  • acquisto di materiali
  • progettazione
  • spese professionali
  • perizie
  • installazione di ponteggi
  • smaltimento dei materiali rimossi
  • IVA
  • imposta di bollo
  • diritti sui titoli abilitativi edilizi

Non rientrano invece i contributi pagati all'amministratore di condominio o i costi di spese di coordinamento di un general contractor.

Come richiedere l'Ecobonus

Per richiedere l'Ecobonus, e ottenere il rimborso del 110 per cento, sarà necessario ottenere un Attestato di Prestazione Energetica per dimostrare di aver migliorato di minimo due classi energetiche l'edificio su cui sono stati effettuati i lavori. L'attestato viene rilasciato da un certificatore energetico abilitato.

Una volta ottenuto il certificato APE è necessario fare domanda per l'ecobonus 110 all'Agenzia ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l'Energia e lo sviluppo economico sostenibile) sul sito ENEA dedicato alle detrazione fiscali a questo indirizzo: https://detrazionifiscali.enea.it


Generic placeholder image
Manuel Marchetti

Co-fondatore di denaro.it e appassionato di musica, libri e anime. Vede il progetto come una possibilità di cimentarsi in qualcosa di diverso da quello fatto fino ad oggi per capire meglio il mondo e la società contemporanea.