Rimborso dispositivo anti abbandono

Come richiedere il Rimborso dispositivo anti abbandono, tutto quello che c'è da sapere per averne diritto se lo si è acquistato prima o dopo il 20 febbraio.
Rimborso dispositivo anti abbandono
Come richiedere il Rimborso dispositivo anti abbandono, tutto quello che c'è da sapere per averne diritto se lo si è acquistato prima o dopo il 20 febbraio.




C'è davvero poco tempo per ottenere un rimborso dispositivo anti abbandono, dato che questa iniziativa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti termina il 31 Dicembre 2020, se non ci saranno delle deroghe.

Chi ha già fatto la richiesta, secondo la corretta modalità, ha già ottenuto il rimborso.
Se siete tra quelli che non hanno ancora richiesto questo rimborso avete ancora un po’ di tempo per farlo.

Come richiedere il Rimborso del dispositivo anti abbandono

Le casistiche con cui si può richiedere il rimborso per la spesa sostenuta sono due, e prendono in esame la data di acquisto del dispositivo. Andiamo a vederle.

Acquisto del dispositivo prima del 20 febbraio

Chi ha acquistato un dispositivo anti abbandono prima del 20 febbraio deve presentare i documenti richiesti sulla piattaforma informatica www.sogei.it. I primi documenti da presentare sono quelli che attestano la responsabilità genitoriale. Devono essere inviati entro 60 giorni a partire dal 20 febbraio.

Alla richiesta per il rimborso va anche allegata la copia dello scontrino fiscale, o della ricevuta, dell'acquisto del dispositivo. Nel caso in cui non è esplicitamente indicato che l'acquisto sia stato fatto per un dispositivo anti abbandono bisogna inviare l'apposita dichiarazione reperibile sul sito.

Il rimborso, che ha un importo massimo di 30 Euro, verrà accreditato sul conto corrente indicato per mezzo di un bonifico bancario.

Acquisto del dispositivo dopo il 20 febbraio

Se si è in procinto di acquistare un dispositivo anti abbandono dopo il 20 febbraio, e usufruire del bonus, bisogna prima registrarsi sulla piattaforma online. Per registrarsi correttamente bisogna essere in possesso di un'identità digitale, che può essere richiesta sul sito www.spid.gov.it.
Dopo essersi accreditati si potrà richiedere il buono, con un valore massimo di 30 Euro.

Questo bonus da diritto a una riduzione immediata sul prezzo del dispositivo che si vuole acquistare, ma solo da parte di esercenti autorizzati. L'elenco degli esercenti autorizzati è consultabile sulla piattaforma online.
Il buono ha una validità di 30 giorni. Trascorso questo periodo il buono sarà automaticamente annullato.

Rimborso del dispositivo anti abbandono, la scadenza è il 30 dicembre 2020
Rimborso del dispositivo anti abbandono, la scadenza è il 30 dicembre 2020

Obbligo del dispositivo anti abbandono

Se ormai tutti i genitori acquistano un seggiolino per la propria automobile, quando hanno un bambino piccolo, non tutti sono favorevoli all'acquisto di un dispositivo anti abbandono.
L'articolo 172 del nuovo Codice della Strada, dal 6 novembre 2019, obbliga però a dotarsi di questo dispositivo per prevenire l’abbandono dei bambini di età inferiore ai quattro anni.

Se gli automobilisti hanno potuto contare su un periodo di grazia, in cui non sarebbero stati multati, dal 7 novembre 2019 al 6 marzo 2020, in seguito la sanzioni sono diventate una realtà.
A quanto ammontano le sanzioni?

Sanzione per chi non ha a bordo il dispositivo anti abbandono

Per chi viene fermato, e risulta sprovvisto del dispositivo anti abbandono, la sanzione parte da un minimo di 81 Euro per arrivare a un massimo di 361 Euro.
Oltre a questa multa l'automobilista si vedrà decurtare 5 punti dalla propria patente di guida.

Se l'automobilista dovesse essere di nuovo multato per la medesima infrazione, nei successivi due anni, la sanzione si aggraverà. In questo caso si rischia la sospensione della patente per un periodo che va da un minimo di 15 giorni ad un massimo di 2 mesi.