Bonus 200 euro a chi spetta e come ottenerlo?

A partire da luglio 2022 sono molti gli italiani che possono avere il bonus 200 euro. Dipendenti, pensionati, disoccupati, lavoratori e anche chi percepisce il Reddito di cittadinanza. Vediamo come è possibile ottenerlo e quali sono i requisiti specifici.
Bonus 200 euro a chi spetta e come ottenerlo?
A partire da luglio 2022 sono molti gli italiani che possono avere il bonus 200 euro. Dipendenti, pensionati, disoccupati, lavoratori e anche chi percepisce il Reddito di cittadinanza. Vediamo come è possibile ottenerlo e quali sono i requisiti specifici.


Grazie al Decreto Aiuti rilasciato dallo stato, sono più di 31 milioni di persone che possono beneficiare del bonus 200 euro appena rilasciato.

All’interno di questo approfondimento andremo ad analizzare quali sono i requisiti per ottenere il bonus 200 Euro e quali sono le azioni da eseguire per ottenerle. Inoltre, andremo a leggere le indicazioni ufficiali che l’INPS ha introdotto.


Reddito bonus 200 Euro: che cosa è?

Il bonus di 200 euro è un contributo una tantum che viene elargito a:

  • pensionati;
  • lavoratori;
  • dipendenti;
  • co.co.co;
  • lavoratori domestici;
  • lavoratori stagionali;
  • disoccupati;
  • beneficiari del Reddito di Cittadinanza.

Il bonus è contenuto nel Decreto Aiuti 2022 convertito in Legge (è stato pubblicato ufficialmente in Gazzetta il 15 Luglio) ed è stata voluta per contrastare l’incremento dei prezzi di questi ultimi periodi. Vista la situazione sempre più instabile sull’incremento dei prezzi, quello che doveva essere un bonus legato alle persone con reddito percepito nel 2021 inferiore ai 35.00 euro, ma con il passare del tempo sono cambiati i presupposti di assegnazione.

Con la Circolare n° 73 del 24-06-2022, e il relativo Comunicato Stampa INPS, insieme al Messaggio n° 2559 del 24-06-2022. Grazie a queste comunicazioni, l’INPS ha definito al meglio quali sono i requisiti e come richiedere bonus 200 euro.

A chi spetta il bonus 200 Euro?

Il bonus da 200 euro inserito nel Decreto Aiuti 2022 è stato esteso alle seguenti categorie di persone:

  • lavoratori dipendenti pubblici e privati;
  • pensionati;
  • lavoratori domestici;
  • lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo;
  • lavoratori autonomi e liberi professionisti;
  • percettori di Reddito di Cittadinanza;
  • incaricati di vendite a domicilio;
  • titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • disoccupati e percettori di NASpI, DIS-COLL e disoccupazione agricola.

Se si è all’interno di queste categorie per ottenere il bonus 200 euro si deve possedere una serie di requisiti specifici. Vediamoli più in dettaglio.

Requisiti per il bonus 200 Euro

I requisiti per ottenere il Decreto Aiuti 2022 in dettaglio per le varie categorie sono i seguenti:

  • requisiti per i lavoratori dipendenti: i lavoratori dipendenti che vogliono ottenere il bonus da 200 euro devono avere ottenuto il pagamento di una mensilità entro il 23 giugno dell’esonero contributivo IVS pari allo 0.8%. Per ottenere il bonus da dipendente, è necessario non superare l’importo mensile di 2.692 euro. Somma che se moltiplicata per 13 mensilità darà l’importo totale di 34.996 euro (4 centesimi sotto il tetto dei 35.000 euro).
  • requisiti per i pensionati: se si è residenti in Italia e si percepisce una pensione, un assegno sociale, una pensione per invalidi civili o un trattamento per accompagnamento alla pensione non si deve superare i 35mila euro di reddito personale nel 2021 assoggettabile a IRPEF. Questa somma al netto dei contributi previdenziali e assistenziali.
  • requisiti per i disoccupati: i disoccupati possono percepire il bonus da 200 euro se hanno percepito mel mese di giugno 2022 le prestazioni di NASpI, DIS-COLL oppure la disoccupazione agricola.
  • requisiti per le lavoratrici e i lavoratori domestici: si deve possedere un rapporto di lavoro valido in data del 18 maggio 2022 (la data in cui è entrato in vigore il Decreto Aiuti ufficialmente). Per questa categoria non è presente un limite di reddito per percepire il bonus.
  • requisiti per i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.): se si vuole percepire il bonus si deve avere un contratto attivo alla data di entrata in vigore del Decreto Aiuti (18 maggio 2022) ed essere iscritti alla Gestione separata. Se si è iscritti a una o altre forme previdenziali non si può percepire il bonus da 200 euro. Anche in questo caso, è opportuno ricordare che non si deve aver raggiunto un reddito di 35.000 euro nel 2021.
  • requisiti per lavoratori intermittenti: i lavoratori che non hanno un lavoro fisso devono avere lavorato per almeno 50 giorni. Anche in questo caso, è opportuno ricordare che non si deve aver raggiunto un reddito di 35.000 euro nel 2021.
  • requisiti per chi lavora nel mondo dello spettacolo: chi lavora nel mondo dello spettacolo deve essere iscritto al Fondo pensiona lavoratori dello spettacolo e aver versato i contributi per almeno 50 giorni. Anche in questo caso, è opportuno ricordare che non si deve aver raggiunto un reddito di 35.000 euro nel 2021.
  • requisiti per i lavoratori autonomi o senza partita IVA: i lavoratori che non sono iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie devono avere uno o più contratti d’opera riconducibili alle disposizioni di legge (articolo 2022 del codice civile) per almeno un mese di contributi. Inoltre devono essere iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio 2022.
  • requisiti per i lavoratori autonomi e i professionisti con partita IVA: al momento lo Stato Italiano non ha ancora rilasciato le indicazioni per ottenere il bonus da 200 euro. Al momento il Decreto Aiuti è stato istituito per altre categorie di lavoratori.
  • requisiti per gli incaricati alle vendite a domicilio: le persone inserite in questa categoria devono avere un reddito percepito dalla propria attività superiore ai 5.000 euro per il 2021. Inoltre devono essere titolari di una partita IVA ed essere iscritti alla gestione separata in data 18 maggio 2022.

Come richiedere il bonus 200 euro?

Il bonus viene rilasciato ai lavoratori dipendenti mediante una autodichiarazione e in modo completamente automatico ai pensionati e alle persone che percepiscono NASPI, DIS-COLL e Reddito di Cittadinanza.

Tutte le altre categorie di persone devono necessariamente eseguire una domanda all’INPS. Per fare la domanda è necessario seguire questa procedura:

  • accedere al sito dell’INPS e dirigersi verso la sezione “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”. La si può trovare cliccando in questo ordine: Prestazioni e servizi -> Servizi -> Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche;
  • selezionare la categoria per la quale si vuole fare la domanda per il bonus;
  • inviare la richiesta.

Una volta che si è inviata la richiesta, accendo al portale dell’INPS, si può verificare il suo stato. Se si è conformi ai requisiti per ottenere il bonus da 200m euro si avrà risposta positiva. Al contrario, se non si è idonei a questo bonus, si otterrà risposta negativa.

Quando viene pagato il bonus 200 euro?

Al momento sono due le date prestabilite per il pagamento del bonus da 200 euro. Che sono:

  • nel mese di luglio 2022 per le categorie dei lavoratori dipendenti, i beneficiari del Rdc, i collaboratori domestici e i titolari di un trattamento pensionistico viene elargito in bonus da 200 euro.
  • nel mese di ottobre 2022 le categorie dei titolari NASpI, DIS-COL, dei beneficiari della disoccupazione agricola 2021 e della ex indennità Covid 2021 riceveranno il bonus da 200 euro.


Claudio Marchetti, autore
Claudio Marchetti

Imprenditore nel settore dell'editoria digitale, è co-fondatore del progetto denaro.it. Appassionato di comunicazione e ottimizzazione per i motori di ricerca. Lo sviluppo di denaro.it è stato dettato da una sfida personale nell'andare a creare un nuovo progetto editoriale nel panorama italiano.