Raffaella Carrà patrimonio e eredità senza eredi

Raffaella Carrà ha chi ha lasciato il suo patrimonio? L'eredità della Carrà, al momento senza eredi, è di certo ingente dopo i molti guadagni fatti negli anni.
Raffaella Carrà patrimonio e eredità senza eredi
Raffaella Carrà ha chi ha lasciato il suo patrimonio? L'eredità della Carrà, al momento senza eredi, è di certo ingente dopo i molti guadagni fatti negli anni.




Il lascito di Raffaella Carrà è un patrimonio artistico costruito in anni di lavoro, tanto da far amare il suo inconfondibile caschetto biondo a diverse generazioni di telespettatori. Morta a Roma, il 5 luglio 2021, all'età di 78 anni a causa di un carcinoma ai polmoni poco, o nulla, si sa del reale patrimonio di Raffaella Carrà, e dell'eredità senza eredi fino a questo momento.

Il patrimonio di Raffaella Carrà

Definire il patrimonio di Raffaella Carrà non è facile. La Carrà è sempre stata una personalità lontana dalla mondanità, a cui non piaceva sbandierare la sua ricchezza.

Durante la sua carriera ha avuto ingenti guadagni grazie ai cachet delle trasmissioni TV, ai diritti televisivi e alle royalties delle sue canzoni, anche se la stessa Carrà ha più volte detto: “Sicuramente guadagno bene ma il mio è un duro lavoro. Il mio cosiddetto mega-contratto? Se sapessero quanto pago di tasse! E il rischio dove lo mettono? Mi rimbocco le maniche e cerco di attirare i telespettatori nei programmi serali”.

Raffaella Carrà ha inoltre un ricco patrimonio immobiliare, che include:

  • una casa a Roma, in via Nemea 21;
  • una grande villa sul Monte Argentario appartenuta a Giò Pomodoro;
  • un appartamento in Toscana nel comune di Montalcino

Probabilmente la Carrà aveva acquistato una casa in Spagna, nazione dove ha lavorato molti anni, e dove ancora oggi è particolarmente amata, tanto che dopo la sua morte le è stata dedicata una piazza a Madrid fra i numeri civici 43 e 45 della calle Fuencarra.

Chi sono i possibili eredi dell'eredità di Raffaella Carrà?

Chi sono gli eredi del patrimonio e dell’eredità di Raffaella Carrà? Questa la domanda che molte persone si sono fatte dopo aver superato lo shock per la morte della soubrette.

Sono molte le notizie scritte sui nomi dei possibili eredi dell'eredità di Raffaella Carrà, ma nessun esecutore testamentario ha, per il momento, compiuto le ultime volontà presenti nel testamento che la Carrà avrebbe lasciato.

Non ci sono eredi diretti di Raffaella Carrà visto che non ha mai avuto figli e quindi l'eredità di Raffaella Carrà potrebbe essere spartita tra le persone a lei più vicine. Tra cui:

  • Sergio Japino, l'uomo a cui è stata legata per molti anni;
  • i nipoti Matteo e Federica Pelloni, figli del fratello Renzo morto nel 2001 per un tumore al cervello;
  • Barbara, Paola e Claudia, le tre figlie di Gianni Boncompagni il famoso produttore televisivo.

Quali erano i guadagni di Raffaella Carrà?

Lavoratrice instancabile, e uno dei volti più amati dagli italiani, Raffaella Carrà è stata una dei conduttori meglio pagati della storia della TV italiana. È passata alla storia la polemica sul rinnovo di contratto con la RAI nel 1984 in cui Bettino Craxi, l’allora presidente del Consiglio, chiese di sua iniziativa una riduzione dello stipendio della Carrà che l'avrebbe portata a guadagnare 6 miliardi di lire.

A seguito dei problemi con Craxi la Carrà decise di passare a Mediaset, l'unica altra TV che potesse permettersi i suoi cachet, con un contratto di esclusiva per 2 anni che le ha fatto guadagnare 8 miliardi di lire.

Un altro episodio risale al 2010, quando la regina della TV stava finendo di definire un nuovo show per la Rai con un costo medio per puntata pari a 700 mila euro, il cachet della Carrà le avrebbe fatto guadagnare circa 80 mila euro a sera.


Claudio Marchetti, autore
Claudio Marchetti

Imprenditore nel settore dell'editoria digitale, è co-fondatore del progetto denaro.it. Appassionato di comunicazione e ottimizzazione per i motori di ricerca. Lo sviluppo di denaro.it è stato dettato da una sfida personale nell'andare a creare un nuovo progetto editoriale nel panorama italiano.