Nerio Alessandri, presidente Technogym

Nerio Alessandri è un industrial designer che nel 1983 ha fondato Technogym. Dal 2002, l'imprenditore italiano è Presidente di Wellness Foundation. Ha pubblicato un libro per Sperling & Kupfer.

Nerio Alessandri è un industrial designer che nel 1983 ha fondato Technogym. Dal 2002, l'imprenditore italiano è Presidente di Wellness Foundation. Ha pubblicato un libro per Sperling & Kupfer.

Technogym, un brand del Made in Italy diventato vero e proprio punto di riferimento nel settore dello sviluppo e realizzazione di attrezzature e macchinari per la preparazione fisica in palestra. Dal 2002, Nerio Alessandri è anche Presidente di Wellness Foundation, una fondazione che ha come principale mission un nuovo stile orientato al miglioramento della qualità della vita.

Nato a Cesena, in Emilia Romagna, l’8 aprile del 1961 in una classica famiglia del ceto medio come tante altre. Dopo aver conseguito il diploma di perito industriale presso la città di Forlì, ha iniziato quasi subito a lavorare in una importante azienda di Cesena. Ben presto però si rende conto di come non fosse quella la sua dimensione ideale. Infatti, da sempre ha manifestato in famiglia e con gli amici, l’intenzione di potersi avviare ad una meravigliosa avventura nel mondo imprenditoriale. Un sogno nel cassetto che ad un certo punto Nerio ha voluto realizzare lasciando il proprio lavoro sicuro nell’azienda cesenate mettendosi così alla ricerca di quella idea vincente che potesse permettergli di svoltare.

L’ispirazione, come sempre accade in queste situazioni, arriva quasi per caso. Sono i primi anni Ottanta e Nerio è un giovane uomo a cui piace tenere il proprio fisico ben allenato così inizia a frequentare, con una certa costanza, alcune palestre che all’epoca andavano per la maggiore. Durante le estenuanti sedute fisiche, Nerio si accorge di come le attrezzature a disposizione di quelle strutture non fossero adatte o che quanto meno non permettessero di allenare al meglio alcune parti del corpo con particolare riferimento alla muscolatura. Ben sapendo quali fossero le esigenze dei clienti delle varie palestre, decise di concentrare le proprie energie e le proprie attenzioni alla progettazione ed alla realizzazione di attrezzature e macchinari che potessero essere maggiormente funzionali ed efficaci sotto questo punto di vista. Il tutto, naturalmente, non trascurando il rilevante aspetto della sicurezza per gli stessi atleti durante il loro utilizzo. Così, insieme a due cari amici, Nerio Alessandri si focalizza sulla realizzazione di uno strumento capace di potenziare la fascia muscolare. Ne costruisce il prototipo che in effetti si dimostra estremamente funzionale per cui viene dato avvio alla sua produzione per offrirlo sul mercato. Da quel momento in poi ci sarà per lui un percorso fatto di tanti sacrifici ma al tempo stesso anche di tanti successi.

Nel 1983 Nerio Alessandri fonda un’azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di attrezzature da utilizzare in palestra ma anche a casa, alla quale successivamente verrà dato il nome di Technogym. Nei primi periodi di esistenza, l’azienda e lo stesso imprenditore cesenate, si concentrano soprattutto sull’affidabilità del prodotto. Lui è un vero visionario e così, mentre le aziende concorrenti continuano a sviluppare vecchie tecnologie meccaniche, Nerio Alessandri decide di investire pesantemente non solo sulla ricerca di nuove soluzioni dal punto di vista concettuale ma anche sull’aspetto estetico e quindi sul design, cosa che prima di lui nessuno aveva mai fatto. Sarà infatti la Tecnogym ad immettere nel settore le prime tipologie di attrezzature per palestra dotate di tecnologia con controllo numerico. È una vera rivoluzione culturale che permetterà all’azienda di crescere in maniera esponenziale facendosi conoscere ed apprezzare anche al di fuori dei confini italiani.

Technogym, l’azienda fondata e gestita da Nerio Alessandri

Technogym è il risultato della passione e la voglia di successo di Nerio Alessandri che oltre ad esserne il presidente ne assolve con professionalità anche il ruolo di amministratore delegato. Un’azienda con sede operativa e legale a Cesena, che fa della qualità e dell’affidabilità i propri tratti caratteristici. Si occupa, sin dalla sua fondazione, della produzione e della fornitura soprattutto per palestre, di attrezzature di ultima generazione che permettono di ottimizzare gli esercizi fisici a tutto vantaggio della forma fisica.

Nel 1985 c’è stato posto il primo e più importante tassello verso il successo e la crescita dell’azienda, con la presentazione della prima storica linea di macchinari ed attrezzi per palestre. Una linea che ottenne un immediato riscontro nel settore, non solo per la sua funzionalità ma anche per le sue forme ricercate, il che permise di dare avvio ad una costante crescita dell’azienda in termini di fatturato ma anche di qualità.

Simbolo della scalata di Technogym verso l’Olimpo delle storiche aziende che hanno consacrato il Made in Italy nel mondo, è la data del 3 maggio 2016. L’azienda ha fatto in quel giorno il suo ingresso a Piazza Affari, venendo quotata e quindi entrando nel listino di titoli dell’indice FTSE Italia Mid Cap del Mercato Telematico Azionario. Non c’è dubbio che l’ingresso in Borsa abbia consentito all’azienda di trarne vantaggi dal punto di vista dell’immagine ma anche per quanto concerne l’aspetto economico. Questo è testimoniato dai ricavi degli ultimi anni, in costante aumento. Nel 2016 la Technogym ha dichiarato nel proprio bilancio annuale, un giro di affari di circa 555 milioni di euro con un utile netto che ha sfiorato i 50 milioni di euro. L’anno successivo, la fase di crescita è stata confermata grazie ad introiti lordi pari a 598 milioni di euro che in termini percentuale è stata del 7,7% rispetto allo stesso periodo ma dell’anno precedente. Numeri importanti che sono stati ulteriormente ritoccati al rialzo nei 365 giorni successivi grazie a ricavi complessivi di ben 634 milioni di euro il che ha permesso all’azienda di crescere di oltre il 9% rispetto all’anno 2017.

Anche nel 2019 gli affari per la Technogym sono andati più che bene. Il marchio non solo ha confermato la bontà dei propri prodotti anche per quanto concerne i materiali ma ha anche mantenuto la sua quota nel mercato europeo. Questo è stato possibile grazie alla scelta di mantenere le linee guida di sviluppo che erano già state evidenziate ed avviate l’anno precedente e soprattutto si è continuato ad investire ulteriormente nella ricerca con l’obiettivo di valutare nuove soluzioni in un settore che negli ultimi è diventato molto più competitivo rispetto al passato. Il 2019 è stato anche l’anno dell’approccio verso altri mercati con relativa crescita dell’appeal a livello internazionale. Crescita che è stata dovuta ad un maggior radicamento nei territori degli Stati Uniti e del Canada. Insomma per la Technogym e per il suo fondatore Nerio Alessandri la storia è solo all’inizio.